Stima della magnitudo locale

Alla maggior parte degli eventi è associata una stima di durata del segnale sismico determinata dagli analisti dell'INGV, per la Rete Sismica Nazionale, e degli istituti a cui afferiscono le reti regionali. Il data-set di stime della durata è molto eterogeneo a causa soprattutto della diversa definizione di durata dell'evento tra i diversi operatori. Castello et al. (2007) stimano la magnitudo locale degli eventi del catalogo attraverso una regressione lineare M = a + b∙log(T)+ Sc . I parametri a e b sono dipendenti dall'area investigata, secondo l'osservazione che la stima di magnitudo dalla durata è in sostanza indipendente dalla distanza ipocentrale per intervalli di distanza non elevati. Sc corrisponde alla correzione di stazione.

clicca sull'immagine per ingrandirla
Le Ml calcolate, usate per la stima dei parametri della regressione, + riguardano circa 5000 terremoti (1996-2000) registrati dalla rete MedNet, i quali rappresentano geograficamente un buon campione della sismicità italiana con una variabilità di magnitudo tra 1.9 e 5.8, ma maggior concentrazione nell'intervallo 2.5-4.0; le durate corrispondenti per il calcolo della regressione sono relative solo alle stazioni della Rete Sismica Nazionale, per ovviare in parte i problemi d'eterogeneità del data-set di durate (vedi figura). Lo studio dei parametri di regressione ha differenziato il comportamento delle stazioni localizzate nella penisola italiana rispetto a quelle localizzate in Sicilia per le quali sono state stimate elevate correzioni alle stazioni. La regressione è definita in un intervallo d'applicabilità 1.5-4.5. La magnitudo dei terremoti di maggior entità è in larga parte la Ml calcolata da MedNet, o proveniente da cataloghi (CSTI 1.0, 2001) e letteratura scientifica. Ai terremoti profondi invece è associato Mb o Mw da cataloghi internazionali (ISC, CMT- Harvard, RCMT- MedNet). La completezza del catalogo per M> 4.5 è testata secondo confronti incrociati con i bollettini internazionali (NEIC, ISC), (Castello et al., 2007). In totale, il catalogo della sismicità italiana 1981-2002 contiene 48,299 stime di magnitudo superiori a 1.5.